il progetto "bellatop.com" per la fine della fame del mondo, attualmente e' spiegato solo in inglese, su everyone-can-have-enough-to-eat.com
qui facciamo una sintesi brevissima in italiano:
le cifre:
il "prodotto interno lordo" del mondo, nel 2013, era circa 50.000.000.000.000 euro.
le fonti ci dicono che circa 800.000.000 persone attualmente hanno gravemente fame. arrotondiamo a 1.000.000.000.
se nel 2013 avessimo dato l'un percento del pil a 1.000.000.000 di VERI AFFAMATI, ciascuno di essi avrebbe avuto a disposizione circa 500 euro nel 2013. per arrotondare, diciamo quasi 50 euro al mese. nota bene che un BEL SACCO di riso (sempre peresempio) gli costa solo 50 C-E-N-T-E-S-I-M-I.
sulle cifre non ci piove.
alcune delle questioni principali sono queste:
abbiamo la VOLONTA' di far si' che tutti abbiano da mangiare?
se la risposta e' si':
- quanto vogliamo spendere?
basta l'un percento dei soldi del mondo
- come identifichiamo chi ha "fame grave"?
usando almeno due sistemi:
1) gli affamati gravi sono gia' stati identificati dalle fonti locali ed internazionali che dichiarano che esistono 800.000.000 affamati gravi
2) il sistema "cosa scegli" consente a chiunque e a tutti di selezionare nella maniera piu' immaginabilmente EFFICACE ed EFFICENTE chi ha piu' urgentemente bisogno
- io (la mia azienda) sarei (sarebbe) felicissima di donare 50 centesimi (cinquanta milioni) con un click ha chi ha veramente fame, ma come faccio a sapere che quei 50 centesimi (50 milioni) che invio con un click vanno effettivamente a chi ha fame grave?
TUTTE LE INTERAZIONI E TUTTI I CLICK E OGNI CENTESIMO: sono monitaribili e seguibili per filo e per segno DA CHIUNQUE. trasparenza al 100%
- se diamo da mangiare ai poveri, quelli fanno altri figli poveri, e ci ritroviamo che fra 3 anni anziche' 800 milioni di persone che hanno fame ci saranno 4 miliardi di affamati!
ottima obiezione (per quanto apparentemente "fredda")
le soluzioni sono numerose. qui ci limitiamo a nominarne 2, dalla piu' radicale e controversa alla piu' semplice.
soluzione (esempio) estremamente radicale e controversa: i poveri possono accedere solo a cibo che contiene un contraccettivo chimico. soltanto se diventano autosufficienti possonono passare dal cibo "con la pillola" al cibo normale.
soluzione estremamente semplice: il progetto parte come esperimento:
osserviamo se, donando l'un percento dei nostri soldi, la poverta' AUMENTA o DIMINUISCE/FINISCE. probabilmente ci accorgiamo molto presto se dare l'un percento funziona o no. se dare l'un percento aumenta la poverta', l'esperimento fallisce (almeno il primo approccio), e probabilmente smettiamo. ci sara'chi dice che dovremmo dare anche il 100% dei nostri soldi per far si' che tutta l'umanita' abbia da mangiare, ci sara'chi dice che i poveri sono creati da un complotto segreto dei potenti, ci sara' chi dice che ciascun individuo e' responsabile della propria vita. ad ogni modo l'esperimento ci costa solo l'un percento dei nostri soldi (i soldi del mondo). se invece la fame si risolve con l'un percento, e con quell'un percento NESSUNO ha piu' fame, goderci la vita sapendo che tutti hanno da mangiare ci costa veramente ma veramente poco. e, nella migliore delle ipotesi, "a stomaco pieno", questo esseri umani diventano autosufficienti. e' del tutto possibile che dopo due o 3 anni che diamo l'un percento, non c'e'neanche piu' bisogno di dare niente, perche' gli affamati gravi del 2014 sono diventati gli autosufficienti del 2016. vale la pena di ripetere che l'esperimento e' volontario (ciascuno di noi, che sia individuo o multinazionale decide per se' stessa) e le cifre sono quelle: circa euro 50.000.000.000.000 = i soldi che il mondo ha prodotto nel 2013 = piu' di 500 euro che OGNI PERSONA ATTUALMENTE AFFAMATA avrebbe potuto avere nel 2013 se gli avessimo dato UN percento dei soldi del mondo. (in realta' per certi versi e' sbagliato dire "loro" hanno fame. se l'umanita' la vediamo come UN organismo, siamo NOI che abbiamo fame, e' l'umanita' che ha fame.)
- quali sarebbero i costi e la logistica della distribuzione?
costi zero. i soldi si spostano con un click.
se metti insieme paypal e le GIA' ESISTENTI organizzazioni piccole e grosse nel settore, USANDO il sistema "cosa scegli" e fornendo TRASPARENZA COMPLETA, tutti i soldi donati con un click possono arrivare a: individui affamati e/o centri esistenti (e nuovi) di distribuzione e/o negozi (dai supermercati ai negozietti --e le telecamere, a proposito, esistono...) (anzi, c'e'perfino il potenziale per fare una serie di reality tv sul sistema!)
il sito in inglese everyone-can-have-enough-to-eat.com offre piu' informazioni. ma la realta' e' che il progetto cibo x tutti ha meno potenziale di fallimento che potenziale di successo, non soltanto successo nel senso che finisce la fame, ma successo nel senso sia mediatico che di nascita di un'economia sana e intelligente. e' immaginabilissimo che ci siano ditte che investano nella connettivita' di un nuovo mercato e una nuova economia, anche usufruendo del sistema "cosa scegli", delle infinite possibilita' sociali ed economiche che offre. (ad esempio una ragazzina in uganda a un centro internet puo' guadagnare delle cifre modeste ma dignitose CLICKANDO sui suoi spot preferiti, e TUTTO e' trasparente.)
questo paragrafo non e' per fare pubblicita' a "bellatop.com" e il suo sistema "cosa scegli". questo paragrafo e' perche' i soci di "bellatop.com" NON POSSONO SOPPORTARE che ci sia gente che muore di fame.
le soluzioni ci sono. e tante.
come esseri umani, che vogliamo fare?
come detto altrove, uno degli slogan di "bellatop.com" e' "party with a clean conscience" (ci vogliamo divertire e godere la vita con la coscienza pulita)
commento finale:
diverse persone possano trovare strana, perfino sospetta, la "mescolanza bellatop" di discorsi enormi di business (cinema, pubblicita', investimenti) e discorsi di cause FONDAMENTALI come la fame nel mondo (anzi, il piu' fondamentale di tutti, visto che senza cibo, l'essere umano muore. le statistiche ci dicono che muore di poverta' una persona ogni pochi minuti...)
che c'entrano, si potrebbe obiettare, batman, il cinema, i video giochi, e i progetti internet di "bellatop.com" con la fine della fame nel mondo?
"bellatop.com" ha una PASSIONE SFRENATA per il progetto "cibo x tutti" --e per aiutare il mondo in generale-- ma questo non vuol dire che non si possa avere passione anche per la musica, i giochi, i film, ecc ecc ecc.
e il pensiero finale di questa pagina forse puo' far riflettere. PURTROPPO, se facciamo un film sulla fame nel mondo, lo vanno a vedere in quattro gatti.
ma batman? iron-man? guerre stellari? quante centinaia di milioni di persone si tuffano al cinema per queste avventure? nel progetto crossover, i super eroi, le principesse jedi, harry potter, e chi piu' ne ha piu' ne metta, lottano insieme in un mondo del futuro per difendere la terra dall'assalto di aliens, terminators, predator... films e videogiochi da puro spettacolo.
guarda caso, pero'... nel progetto di "bellatop.com", "capita..." che il pianeta del futuro in cui vivono le loro avventure questi super-personaggi, e' una terra in cui TUTTI hanno da mangiare. con un click...
;)
mandaci le tue idee...
<a href="http://www.sodahead.com/living/italian-daresti-lun-percento-1-dei-tuoi-soldi-per-vivere-in-un-mondo-in-cui-tutti-hanno-abbast/question-4599988/" title="(italian) DARESTI L'UN PERCENTO (1%) DEI TUOI SOLDI PER VIVERE IN UN MONDO IN CUI TUTTI HANNO ABBASTANZA DA MANGIARE? (se vuoi, esplora anche i links a seguito)">(italian) DARESTI L'UN PERCENTO (1%) DEI TUOI SOLDI PER VIVERE IN UN MONDO IN CUI TUTTI HANNO ABBASTANZA DA MANGIARE? (se vuoi, esplora anche i links a seguito)</a>

clicca la domanda x partecipare al sondaggio e ne puoi parlare anche tramite il link: http://www.sodahead.com/living/italian-daresti-lun-percento-1-dei-tuoi-soldi-per-vivere-in-un-mondo-in-cui-tutti-hanno-abbast/question-4599988/